Vai al contenuto

I cigni selvatici a Coole – William Butler Yeats

05/09/2018
tags: ,

William Butler Yeats

 I cigni selvatici a Coole

Gli alberi sono nella loro bellezza autunnale
Asciutti i sentieri del bosco
L’acqua nel crepuscolo d’ottobre
Riflette un cielo immobile;
Sull’acqua che cola fra le pietre, sono
Cinquantanove cigni.

Diciannove autunni mi raggiunsero
Dal tempo primo che li contai;
Li vidi, prima di finir la conta
Improvvisi levarsi
E sperdersi ruotando in grandi cerchi franti
Sulle ali rumorose.

Ho ammirato quelle creature splendenti
E ora è triste il mio cuore.
Tutto è mutato da quando, al tramonto,
Su questa riva, la prima volta,
Udii scampanare le loro ali sul mio capo
Quando con passo più lieve andavo.

Ancora insaziati, amata e amante
Remano nelle correnti
Fredde e amiche, o scalano l’aria;
I loro cuori non sono invecchiati;
Passione o conquista, dovunque vadano,
Raminghi, ancora li accompagna.

Ora galleggiano nell’aria immobile,
Bellissimi e misteriosi.
Quali giunchi eleggeranno a nido,
O su quali rive, di lago o stagno,
Allegreranno occhi umani, quando,
Al risveglio, capirò che son volati via?

 

Annunci

La stufa dell’Anticristo – Anacleto Verrecchia

27/08/2018

Seguire Anacleto Verrecchia nei suoi vagabondaggi spirituali è attività divertente  e stimolante. Irriverente, acido, profondo, irrispettoso dei cliché e delle mode: su questo personaggio si può dire tutto, e tutto questo li ritroviamo nei suoi diari di viaggio. Toscana, Russia, Sicilia, Inghilterra, Francia, tanta Germania: ce n’è per tutti, tra frustate alle guide e approfondimenti culturali. In molti viaggi il filo conduttore è il libro che l’autore sta scrivendo sulla vita di Giordano Bruno. Altre tracce sono la vita di Nietsche (a cui appartiene la stufa che dà il titolo alla raccolta) e quella con i grandi filosofi tedeschi, tr ai quali Schopenauer e Goethe. E da Verrecchia, colto germanista, non può venire un occhio di riguardo per la grande fucina di pensiero che è stata la Germania dal Diciottesimo secolo in poi.

Acuto e mai saccente, diretto nei suoi giudizi, libero nelle opinioni: sarebbe stato un compagno di viaggio ideale, da seguire e da mollare ad ogni svolta della strada.  Complimenti all’editore che si è assunto l’onere di pubblicare un libro così di nicchia.

 

“La stufa dell’Anticristo”

Anacleto Verrecchia

Fogola

Caselle Torinese, 27 agosto 2018. L’estate ha accusato il colpo di una veloce discesa di freddo. Che trami una torrida vendetta?

La femmina della specie – Joyce Carol Oates

25/08/2018

Storie di donne, ai nostri giorni. Donne particolari, ma non troppo. A volte vittime di macchinazioni diaboliche, a volte loro stesse calcolatrici astute e smaliziate. Nei loro sguardi si nascondono lampi d’ira, rabbie represse, sentimenti di vendetta o di misericordia estrema. Gli uomini per lo più sono istigatori della violenza femminile, succubi di istinti, pulsioni o semplici indolenze che alla fine li rendono vittime delle loco compagne, intese come mogli/amanti o semplici conoscenti.

Potrebbe essere un libro amaro, ma non lo è. Perché in fondo alla crudeltà di queste donne si intravede sempre un desiderio luminoso di riscossa, di rivalsa, che è banale definire vendetta. Forse più un riscatto, un accenno di ribellione in un mondo che è ancora e sempre in mano agli uomini.

Prosa leggera e graffiante, ritmo serrato per tutti i racconti, anche i più lunghi. Tanti piccoli capolavori.

“La femmina della specie”

Joyce Carol Oates

Bompiani.

Caselle Torinese, 25 agosto 2018, la calda estate cede al vento freddo delle montagne. Preparate la trapunta!!

La sostanza del male – Luca D’Andrea

08/08/2018

Alto Adige, ai giorni nostri. Un triplice delitto irrisolto, risalente agli anni Ottanta, viene riportato alla luce da un forestiero, preda di una sua ossessione. Salinger, americano sposato a una “del posto”, si insinua sempre più profondamente tra segreti, gelosie e reticenze di una comunità chiusa che si rivela alquanto ostile alle ingerenze di uno di fuori. Metterà a repentaglio la sua vita famigliare per scendere nel profondo di un segreto che in molti avevano seppellito nel loro cuore.

Stile veloce ed incalzante, trama avvincente, ritmo serrato: il libro entusiasma fin dall’inizio e induce a voltare le pagine una dopo l’altra. Eppure… il finale arriva con un ultimo colpo di scena, davvero spettacolare, che tuttavia lascia più domande che risposte, proprio per il suo svolgimento pirotecnico. In più, una certa questione sulla quale si impernia parte della vicenda rimane senza risposta e senza conclusione. Insomma, alla fine si poteva fare meglio, la quadratura del cerchio non è perfetta e questo stona alquanto sul giudizio complessivo. Einaudi, nel suo rigore e nella sua fama, poteva indirizzare in modo più corretto ed efficace la mano dello scrittore.

“La sostanza del male”

Luca D’Andrea

Einaudi Stile Libero

Caselle Torinese, 08 agosto 2018, vento che frusta gli alberi, temporali che galleggiano all’orizzonte

Cadaveri – Francois Barcelo

26/07/2018

CadaveriUn tale squattrinato si ritrova la notte di capodanno con l’auto senza benzina e il cadavere della madre abbandonato lungo un fosso. Che fare se non chiamare la sorella, che non vede da 10 anni? Impresa impossibile, eppure la sorella arriva. Sorella che è la protagonista sexy della serie poliziesca “Cadaveri”, nella quale interpreta l’investigatrice privata che – spesso ignuda – risolve casi scabrosi e oscuri.

Anche lei, però, non sta trascorrendo un buon periodo. Così come non sono particolarmente fortunati Pauline e Paulette, padre e figlia sconclusionati e sbadati, che prelevano da un fosso il cadavere sbagliato. In poco tempo la cantina del nostro Raymond si riempirà di cadaveri, in una girandola di situazioni grottesche, a metà tra il surreale e il tragico.  Occorre una buona dose di humor e sangue freddo per mantenere fresca e intrigante la narrazione senza sconfinare nel boccaccesco o nel triviale, ma l’autore ci riesce benissimo. Un libretto fresco e veloce, per chi ama il genere “surreale ma non troppo”

“Cadaveri”

Francois Barcelo

Marcos y Marcos

Caselle Torinese, 26 luglio 2018, serata rinfrescata da un temporale all’ora di cena

La donna di troppo – Enrico Pandiani

04/07/2018

Zara Bosdaves è una investigatrice privata che lavora in quel di Torino, ai giorni nostri. Arriva dalla polizia e ha deciso di rifarsi una vita lontano dal Nord Est italiano in cui è cresciuta e ha vissuto. A Torino ha il padre e il compagno Francois, che gestisce un bar aperto la sera. Zara ha poco lavoro, fino a che una donna gelida e affascinante le chiede di rintracciare il figlio, scomparso dopo la tragica morte del padre. Si aprono i cancelli di una ricerca costellata di personaggi ambigui, dove il più spietato forse è anche il meno malvagio.

Ambientazione intrigante, ma nel leggerlo emergono alcune note stonate: l’ossessione per le marche di qualsiasi cosa, dai vestiti ai liquori alle auto, e l’arrivo della “cavalleria” al momento giusto, troppo giusto.

Va bene, ci può stare ogni tanto, ma ha l’aria di sotterfugio per chiudere le vicende che si portano troppo avanti senza poi trovare l’uscita giusta. Nulla da eccepire sul linguaggio, scorrevole, piacevole e mai volgare. Il che, oggi, non è cosa da poco

“La donna di troppo”

Enrico Pandiani

Rizzoli

Caselle Torinese, 04 luglio 2018, appesi all’annuncio di temporali in lontananza

Don Prusot e il delitto alla bocciofila – Giuseppe Grinza

18/06/2018

Un tranquillo paese della pianura piemontese, un prevosto amante della pace, un intraprendente presidente della locale bocciofila. Ecco tre elementi che combinati tra di loro danno il via ad una serie di battibecchi, confronti, vicende a metà tra il comico e il grottesco. L’autore mescola con sapienza l’alchimia di carattere dei protagonisti, condisce con una serie di personaggi secondari molto spassosi e sforna un romanzo veloce e divertente che si legge sorridendo. Perché i difetti macroscopici dei personaggi di Grinza li ritroviamo tutti in noi stessi, magari nascosti e noti solo a pochi intimi. Stile brioso senza essere vorticoso, ricorda un incrocio tra Guareschi e Vitali. Raccomandabile per passare qualche cosa in placida allegria.

“Don Prusot e il delitto alla bocciofila”

Giuseppe Grinza

Editrice Baima e Ronchetti

Caselle Torinese, 18 giugno 2018. Afa estiva, appena arrivata e già un poco molesta