Vai al contenuto

La peste – Albert Camus

14/03/2020

Albert Camus, da Wikipedia

Ci voleva davvero lo stop del coronavirus per fa sì che mi addentrassi nell’universo di Albert Camus, con questo suo capolavoro. L’epidemia di peste che dà il titolo al libro scoppia a Orano, in Algeria, in un anno imprecisato degli  anni’40, durante la colonizzazione francese. Cresciuta in sordina, ben presto dilaga tra la popolazione che viene rinchiusa all’interno delle mura cittadine. Il narratore ci mostra i pensieri e le emozioni di alcuni uomini impegnati ad affrontare l’epidemia. Tra questi spicca Rieux, il medico che per primo aveva osservato i primi sintomi del contagio. Attorno a lui si muovono altri personaggi, tra il quali Rambert il giornalista, e Tarrou, l’estensore di appunti e note che serviranno al narratore – di cui taccio l’identità – per ricostruire la cronaca del contagio. Più che le emozioni dei singoli, però, a colpire è al descrizione dei differenti stati d’animo della popolazione, a partire dai primi giorni di separazione dal mondo esterno per poi passare ai lunghi mesi in cui l’epidemia sembra non avere fine. Eppure, un giorno l’epidemia termina, portando con sé tuttavia alcuni dei protagonisti del libro.

Libro denso, a volte un po’ pesante, grondante di umanità sviscerata in tutti i diversi stati d’animo attraverso cui transita in una situazione di pericolo e segregazione.

 

”La peste”

Albert Camus

Bompiani

Caselle Torinese, 13 marzo 2020. “Resto a casa, grazie al coronavirus”. Fuori grigiore e freddo, primavera che oggi è imbronciata

One Comment leave one →
  1. 16/03/2020 13:15

    L’ho letto due volte, a decenni di distanza l’una dall’altra. La seconda volto ho letto la peste come metafora del terrorismo.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: