Skip to content

Arlens e Servino – le due facce del Colle delle Barre

09/06/2014
tags:
Fontana - Vallone di Servino

Fontana – Vallone di Servino

Il vallone di Servino è molto conosciuto in Val Soana: una strada asfaltata lo percorre per qualche chilometro, e poi una bella mulattiera percorre le sue faggete sontuose attraversando diverse borgate, fino a d arrivare a Fontana, appesa su uno spalto di roccia e contornata dalle cime della Mionda e del Monfandì. Sul percorso ci sono oratori, cappelle e, poco distante dal sentiero, la casaforte di Pedum.

l vallone culmina al Colle delle Barre, da dove si scende nel Vallone di Arlens. Qui la musica cambia: due alpeggi, di cui uno ridotto a un rudere, pareti selvagge e precipiti con prati ripidissimi e spogli di alberi. Il nome Arlens potrebbe derivare da arolla, ovvero pino cembro, ma sono i larici a dominare il paesaggio. Unire i due valloni in un anello di un giorno solo, salendo da Arlens e scendendo da Servino, diventa una scarpinata non indifferente, soprattutto se arrivati a Scandosio si vaga mezzora per trovare il GTA che dovrebbe riportare verso Fontanetta. Spostamento non da poco per una immersione in luoghi che poco alla volta vengono riconquistati dal bosco di ontani. Ringrazio gli amici  Giacomo e Bernardo che a lungo insistevano per questo giro ad anello per intenditori di luoghi selvaggi e dimenticati.

 

 

Annunci
5 commenti leave one →
  1. Patrizia permalink
    05/08/2014 17:37

    Una curiosità: il tuo “passo del lupo” l’ho letto proprio durante una gita in solitaria nel vallone di Arlens, accanto alla baita crollata! che bei ricordi i colori di quell’ottobre…fiori, larici, acque chiare e trasparenti, verde e azzurro da riempirsi gli occhi.

  2. 12/06/2014 20:21

    Escursione…d’autore oserei dire. Bella! Belle anche le foto!

  3. 11/06/2014 12:07

    Grazie mille per la precisazione!! Ovviamente il riferimento al cembro l’ho scoperto dopo essere stato nel vallone. Ho riguardato le mille foto che avevo fatto ma del cembro neppure l’ombra…

  4. 11/06/2014 11:24

    Il Pino Cembro è stato molto utilizzato in passato sia come legname da opera che per la realizzazione di mobili: per questo motivo, oltre alla particolari caratteristiche del loro habitat naturale ( il limite della vegetazione arborea) è fortemente regredito in molte zone delle Alpi, ma ora è nuovamente in aumento…

  5. 10/06/2014 09:06

    Bellissime foto e penso lo stesso per il giro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: