Skip to content

Borgate e territorio – 20 ottobre 2012

21/10/2012

Chiappinetto (Frassinetto)

Sabato pomeriggio ho fatto un salto a Frassinetto, in una giornata di splendido sole autunnale, per partecipare al seminario promosso dalla associazione Pietra su Pietra sulle borgate del territorio comunale. Dopo i saluti di prammatica degli esponenti del Comune, della Regione e della Provincia, ognuno dei quali ha lamentato la carenza di fondi e la necessità di sviluppare progetti ed idee per il territorio, è stata la volta delle relazioni. La prima, accompagnati dal prof. Fumia, ci ha accompagnati per le frazioni di Frassinetto alla scoperta delle particolari architetture “a corte chiusa” e a “casaforte” sopravvissute alla furia edificatoria degli anni passati (e non del tutto salvi tuttora, vista la semplificazione delle procedure edilizie).

La seconda relazione, a cura di Ornella Depaoli della associazione EFFEPI (associazione delle minoranze francoprovenzali) , ha riguardato l’intera Val Soana. Intriganti le note semantiche dell’intervento: Ornella preferisce non parlare di borgate abbandonate, piuttosto di paesi composto da case con così tanti proprietari che non si curano più delle loro abitazioni. Non posso fare a meno di sorridere al pensiero della mezza scala lasciata in eredità alla mia famiglia da un pro-prozio incarognito… Chapeau ad Ornella che con leggerezza e sofferenza assieme (mistura quasi impossibile da realizzare, ma lei ci riesce sempre) tratta di spopolamento delle valli con la determinazione disperata nel proporre spunti e idee per  invertire la tendenza ad abbandonare la sua Val Soana. E nella sua relazione rivedo con piacere angoli di Boschietto e Boschiettera (Vallone di Forzo) che mi sono rimasti nel cuore per gli splendidi momenti passati lassù…

Accantonate  le emozioni personali, una riflessione mi frigge in punta alla lingua. Si parla di rilancio del territorio e delle borgate come se fossero la stessa cosa.. eh no, mi viene da dire, attenzione a non fare confusione! Un conto sono gli edifici che costituiscono i borghi, ed un altro è lo spazio – il territorio – che li circonda. Fermarsi a restaurare le case senza poi curare il territorio, e pretendere poi di rilanciare il turismo in queste aree, significa confinare il potenziale turista alla cinta di muri del borgo… dopo aver fatto tre volte il giro della piazza, non gli parrà bello andare – magari a piedi, in bici da montagna o a cavallo – a esplorare il borgo vicino, o il bosco, o tentare una traversata al paese sottostante? E se trova solo selve impraticabili e grovigli di rovi infestati dalle vipere? Borgo curato senza territorio valorizzato hanno poche chance di emergere come offerta turistica. Dopo due anni di lavoro a rimettere in sesto un territorio pesantemente devastato, a cavallo di paesi bellicosi che regalano di continuo critiche spesso gratuite al nostro operato mi accorgo di essere assai sensibile a queste distinzioni.

A rimettere in quadro la partita ci pensa quel formidabile istrione di Aldo Chiariglione, che nel suo intervento spiega il progetto in corso per il recupero di Urturè, maggengo a monte di Chialamberto. Nuova vita per pascoli ormai perduti, nuove idee per una montagna che non è solo bosco che avanza (intrigante l’introduzione della mucca delle Highland per liberare i pascoli).  Il nome del progetto è Moderne Attività nel Solco della Cultura Alpina, ovvero MASCA. Già il nome è un programma, e non solo.

Comunque sia, ristabilite le distanze e le relazioni tra borgate e territorio, non ho più nulla da eccepire alle singole relazioni e al seminario nel complesso, se non propormi di seguire più da vicino le attività dell’associazione. Nello scendere a valle il sole, tramontato dietro la Bellavarda, regala una ricamo dorato di raggi tra le nuvole alte di bel tempo.

Annunci
5 commenti leave one →
  1. 22/10/2012 18:41

    Sai già che sono un po’ irritato per il fatto di non aver saputo in tempo di questo seminario… e sai già che da blogger, che ama la montagna (anche da condividere) , dovresti informarci quando sai di questi appuntamenti importanti!

    Paesaggio. Non è solo una borgata perfettamente ristrutturate ma anche e soprattutto quello che c’è intorno. E’ fondamentale. Bravo ad averlo sottolineato.

    Purtroppo noi italiani abbiamo un grosso limite: storicamente la vita (politica, sociale, culturale, religiosa…) sì è sviluppata nei comuni.

    Non abbiamo il senso del territorio. Fondamentalmente gli italiani appartengono al proprio comune, che magari curano con attenzione, ma non considerano quello che c’è intorno alla città come un bene da preservare: basta vedere come sta avanzando la cementificazione del territorio, vera e propria piaga che sta distruggendo la terra.

    Altro aspetto che ritengo drammatico nel nostro Paese: abbiamo perso il senso del bello.

    La Val Soana è semplicemente meravigliosa e non credo che sia solo questione di preferenze personali. Il paesaggio è stupendo, poco devastato dalle logiche cementificatorie e quasi per nulla aggredito dalla monoculutra dello sci.

    “Bellezza”: è un ingrediente fondamentale della nostra vita, ne abbiamo bisogno come l’aria. Come si fa ad immaginare qualcosa di “bello”, come si fa ad immaginare il domani se siamo costretti a vivere nel brutto?

    Segnalazione: da Chiapinetto si può partire verso il cielo: http://camoscibianchi.wordpress.com/2012/10/01/a-sud-della-kinzejna/

    Altra segnalazione: se ce la faccio, scriverò un post proprio su quelle borgate dell’inverso della Val Grande di Lanzo, come Urtürè e Missirola… luoghi dell’anima immersi in reconditi boschi…

    Mi piace

  2. 22/10/2012 12:02

    Facci sapere, perché queste sono le ultime occasioni che non vanno perse, se si vuol davvero parlare di rilancio e future… altrimenti si diventa terra da rapina.

    Mi piace

  3. serpillo1 permalink
    22/10/2012 07:56

    Come ti seguo e ti capisco nella tua riflessione: senza un territorio curato e vivibile non ha senso avere solo belle borgate. Come non ha piu’ senso che le stesse borgate e paesi non collaborino insieme per un progetto futuro alla riscoperta di un passato che passato non è.
    Lodevoli iniziative stanno nascendo: peccato che se ne parli poco. Pietra su Pietra l’avevo scoperta per caso, gironzolando su internet. Sul progetto MASCA, in valle, non una parola…..

    La Convenzione Europea del Paesaggio è stata accolta nel 2000 e firmata dai 27 Stati della Comunità Europea. L’Italia l’ha ratificata nel 2006.
    Del disegno di legge per la difesa del suolo e del paesaggio agricolo del Governo Monti, proprio ieri alla radio i commenti non erano un grannchè positivi, soprattutto a detta delle associazioni ambientaliste. Vedrò di informarmi meglio.

    Mi piace

    • Anonimo permalink
      17/11/2012 12:32

      dai vari c ommenti Giornalisti ecc.. non si sono posti una riflessione del titolo del seminario tra l’inerzia e trasfomazione
      INERZIA DEGLI ENTI E TRASFORMAZIONE (CASUALE ) CHE HA PORTATO ALL’ABBANDONO ( DEGRADO (1) DELLE BORGATE E ALLA PERDITA DELLE PROPRIE IDENTITA ‘ (2)
      IL PRESIDENTE DELL’ ASSOCIAZIONE PIETRA SU PIETRA
      e.mail : facciomonteu@libero it

      Mi piace

      • 17/11/2012 17:50

        Prof. Monteu, come si dice a calcio Lei entra a gamba tesa sul nocciolo del problema. A forza di inerzia la trasformazione del territorio e la perdita di identità diventano irreversibili. Identità che è sia conoscenza e sapienza delle persone che memoria tangibile di segni, costruzioni, percorsi. Perché il crollo o la demolizione di un pilone, un affresco, anche solo un muro diventano identità che se ne va. E ricostruirla a posteriori purtroppo lascia il tempo che trova, con tutti i limiti delle rievocazioni storiche apparentate con il carnevale… e non c’è nulla da ridere, però. Grazie per l’intervento
        Gianpaolo Castellano Ventefioca

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: