Skip to content

L’ultima tappa del Morenic Trail

07/05/2012

In attesa del Trail del Soglio cerchiamo di pacificare la coscienza mettendo ancora un po’ di fieno in cascina – e chilometri sulle gambe.

Perché non provare l’ultima tappa del Morenic trail, la salita da Ponte dei Preti a Brosso? Diciotto chilometri per settecento metri di dislivello, più il ritorno… Detto e fatto, domenica iniziamo a far girare le gambe. Si comincia su asfalto, fino a Strambinello, poi un lungo giro per le vigne di Selva fino a ritrovare la provinciale che si abbandona all’altezza del lago di Vistrorio. Inizia il tratto più bello del percorso: strade sterrate e sentieri che salgono sullo spartiacque della morena, in bilico tra la Valchiusella e la Valle della Dora. Bellissimo l’altopiano di Nonani, con la sua cappella solitaria dedicata a San Rocco. Si scende ai laghi d’Alice per risalire – su asfalto – al lago di Meugliano. Giro d’onore del laghetto, salitella su sentiero tra i pini odorosi e infine – di nuovo su asfalto –  rush finale alla chiesa di San Michele, in quel di Brosso. Non avendone abbastanza facciamo il giro d’onore del promontorio che sovrasta il paese e poi ci convinciamo a ritornare sui nostri passi. Decliniamo la proposta del secondo tour al lago di Meugliano, preferendo una breve sosta al bar del lago d’Alice. Poi salita lemmi lemmi all’altopiano di Nonani e discesa in piena scioltezza fino a Strambinello. Ultimi chilometri su asfalto davvero poco entusiasmanti, fino al parcheggio.

Morale: quattro ore e mezza per circa trentacinque chilometri. Non c’è male…

Giudizio sul percorso: splendido il tratto intermedio, da Selva al culmine di Nonani. Per il resto, troppo asfalto sotto le suole. Ed ora… ci aspetta il Soglio!

Annunci
4 commenti leave one →
  1. serpillo1 permalink
    09/05/2012 14:40

    A proposito del Soglio…
    ….stavo navigando in internet e mi sono persa… sono riapparsa qui
    http://www.trailmontesoglio.it/it/?option=com_content&view=article&id=66&Itemid=235&lang=it e mi ha fatto piacere scoprire che una parte dell’Alta Via Canavesana e’ stata ripristinata.
    Avevo percorso, tanto tempo fa, un altro tratto, dopo aver raggiunto i Laghi del Seone da Vonzo ed arrivando ai Laghi d’Unghiasse attraverso il Colle della Terra di Unghiasse. Purtroppo non era messa bene: un vero peccato.
    Mi raccomando, passate in tanti ;-)))

    • 10/05/2012 07:23

      Il problema dei sentieri non è tanto pensarli, quanto mantenerli. Il ramo spezzato che sbarra la via, il sasso nella cunetta dello scolo, il segnavia da rimettere a posto. Più gente passa e meglio il percorso si mantiene… per il tratto da soglio ad angiolino a fine maggio un po’ di passaggio ci sarà!

      • serpillo1 permalink
        10/05/2012 10:52

        Mi trovi d’accordo con te!

    • Beppeley permalink
      14/05/2012 10:27

      Ma che bella notizia hai scovato!
      L’AVC percorre luoghi da fine del mondo! Da tutelare e consegnare ai nostri posteri. Affinché anche loro possano goderne!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: