Skip to content

Un Parco di libri… e di alberi

24/03/2012

Quest’oggi premiazione del concorso “In poche parole… Parco”, indetto in memoria di Luciano Rota, direttore del Parco Nazionale del Gran Paradiso, e non solo. Cornice prestigiosa e suggestiva il Museo Regionale di Storia Naturale; interventi autorevoli e interessanti, che daranno spunto a ulteriori e proficue riflessioni.

Dopo una mattina in città, tuttavia, mi piace venirne fuori cercando le linee verticali degli alberi (e dire che a Torino di verde ce n’è parecchio). Sarà perchè ultimamente sto leggendo Roger Deakin, e questo passo su “Un anno a Walnut Tree”  mi è molto piaciuto.

Gli alberi sono organismi inermi di fronte all’uomo. Le loro sole difese sono la longevità e la fecondità. Perciò rappresentano dei santuari, dei rifugi per i perseguitati ed i braccati. Tornare ai boschi è come il ritorno notturno all’inconscio.

 

 

Annunci
2 commenti leave one →
  1. Beppeley permalink
    25/03/2012 21:15

    Bellissimo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: