Skip to content

La musica della neve – un libro

28/01/2012
tags:

Tutto inizia quando il viaggio quotidiano si interrompe, il respiro si ferma e cambia ritmo, la neve arriva sempre uguale eppure diversa dal ricordo che ci portiamo dentro.

Sarà anche una coincidenza, ma pr0prio oggi che qui a Torino inizia a nevicare mi decido a scrivere questa breve nota sul libro di Davide Sapienza.

“La musica delle neve – piccole variazioni sulla materia bianca”, quindi.

La musica della neve

Un libretto di poche pagine e dai mille richiami. Si spazia dalle impressioni di viaggio di Shackleton e Nansen alle peregrinazioni artiche dell’autore in compagnia di Franco Michieli, un moderno esploratore dei giorni nostri. In una girandola di variazioni continue incontriamo  il favonio – il vento caldo mangiatore di neve – ed il whiteout, la combinazione di nebbia, vento e neve che nasconde l’orizzonte e induce il mal di mare ai viaggiatori per terra. I suggerimenti musicali promessi nel titolo? La colonna sonora de “La sottile linea rossa”, oppure le opere immense di Beethoven. Non c’è un attimo di respiro in questo libretto così ricco di riferimenti e riflessioni da “costringere” a leggere una pagina per volta, senza fretta. Così come senza fretta va assaporato il piacere di camminare nella neve (nevigare?). Tenendo presente che non è possibile ingannare la neve, perchè “non la si può attraversare senza lasciare un segno”

Annunci
4 commenti leave one →
  1. Anonimo permalink
    01/02/2012 08:44

    La neve è arrivata in città e finalmente si è portata via un po’ di PM10.

    Questa mattina ho aperto la finestra per far cambiare aria e ho potuto respirare un po’ di ossigeno anziché la puzza della nostra civiltà come ormai succedeva da molte settimane.

    Spero che i torinesi non si lamentino troppo… Un po’ di coltre bianca e un po’ di freddo aiutano a purificare la vita cittadina.

    La neve è una cosa meravigliosa!

    P.S.
    I miei amici montanari la pensano diversamente soprattutto quando ne cade tanta…

    • Anonimo permalink
      01/02/2012 21:25

      C’era bisgono di una nevicata che ripulisse l’aria e andasse a rimpolapre un po’ le scorte di acqua… però, quando dura più di un giorno allora si inizia a mormorare che sarebbe ora che la smettesse. Qualche anno fa, quando seguivo i cantieri dei tramplolini olimpici a Pragelato, un anno ha iniziato a nevicare a ottobre, e a maggio eravamo ancora sotto la neve. Da qui capisco i tuoi amici montanari…
      Gp

  2. 30/01/2012 19:57

    che coincidenza e’ sul comodino in attesa. dello stesso editore sto leggendo “l’euforia delle cime”

    qui, all’estremo opposto, aspettiamo un po’ di neve!

    saluti

    • 01/02/2012 21:27

      Ciao Giovanni,
      arriverà anche da voi. Qui dicono che per ora il lupo l’inverno non se lo è ancora mangiato!
      Gp

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: